Navigation

Coronavirus: Israele, l'intelligenza artificiale trova casi

L'indagine è pubblicata dalla rivista del Massachusetts Institute of Technology. KEYSTONE/AP/Michael Dwyer sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2020 - 17:12
(Keystone-ATS)

In Israele una delle più grandi compagnie di assicurazioni sanitarie sta usando l'intelligenza artificiale per capire quali tra gli assistiti sono più a rischio di avere complicanze gravi in caso di infezione da coronavirus, mettendoli in una "corsia preferenziale".

Lo riporta la rivista del Massachusetts Institute of Technology (Mit), Technology Review, secondo cui il sistema ha già individuato circa 40'000 persone a rischio, il 2% dei 2,4 milioni di clienti.

Il sistema è stato adattato da uno già sviluppato per l'influenza, che aveva usato per l'"apprendimento" milioni di cartelle cliniche. Per fare la predizione il software analizza una serie di parametri, dall'età all'indice di massa corporea alle comorbidità, e in base al risultato del tampone l'algoritmo suggerisce anche che tipo di assistenza dare, se è meglio ricoverare subito il paziente o se invece può restare a casa.

"Questo sistema - commenta Darren Schulte, Ceo dell'azienda specializzata Apixio - potrebbe essere usato anche per isolare le persone ad alto rischio una volta allentate le misure di lockdown, magari allontanandole da membri della famiglia che potrebbero essere portatori asintomatici del virus".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.