Navigation

Coronavirus: Israele approva lockdown rafforzato

Lockdown rafforzato in Israele proprio durante le festività per il nuovo anno. KEYSTONE/AP/Oded Balilty sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2020 - 08:57
(Keystone-ATS)

Il governo israeliano ha approvato in nottata un lockdown ancora più rigido rispetto a quello già in atto: entrerà in vigore da domani (venerdì) e resterà in vigore fino all'11 ottobre, alla fine delle feste ebraiche.

La decisione è arrivata dopo un lunga riunione nella quale si sono registrati profondi dissidi tra i ministri del Gabinetto di governo per la lotta al coronavirus, soprattutto nella spinosa questione della chiusura dei luoghi di culto e sulla restrizioni delle manifestazioni.

Lo stesso Commissario Ronni Gamzu, secondo i media, ha caldeggiato interventi più leggeri di quelli poi decisi dall'esecutivo di Benyamin Netanyahu per timore di forti ripercussioni sull'economia. Ora tocca alla Knesset approvare il pacchetto di misure.

In base agli interventi - che verranno dettagliati in mattinata - resteranno aperti solo i supermercati, le farmacie così come alcune industrie essenziali.

Per le dimostrazioni è passata la linea del restringimento sia di luogo sia del numero di persone: un tema questo portato avanti con forza dal Likud, il partito del premier.

Per quanto riguarda le funzioni di culto, aspetto questo difeso ad oltranza dai partiti religiosi, le sinagoghe chiuderanno a partire da venerdì ma potranno aprire solo a Kippur e con numero di persone limitato.

L'aeroporto Ben Gurion resterà chiuso ai voli in partenza fino alla fine delle festività. I ristoranti resteranno aperti solo per le consegne a casa.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.