Navigation

Coronavirus: lavoro ridotto negato, ricorso di AutoPostale

AutoPostale vorrebbe ricorrere al lavoro ridotto per centinaia di impiegati. KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 luglio 2020 - 09:30
(Keystone-ATS)

Ad AutoPostale non va giù la decisione del canton Berna di privarlo delle indennità del lavoro ridotto in relazione al Covid-19. Stando a quando indicato oggi dal suo portavoce Urs Bloch alla radio SRF, l'azienda ha inoltrato ricorso.

"Al momento siamo in una situazione dove una decisione politica non è ancora stata presa", ha precisato Bloch sulle onde dell'emittente svizzerotedesca. Per questo la società ha optato per rivolgersi alla giustizia.

La filiale della Posta vorrebbe beneficiare del lavoro ridotto per gli autisti e i controllori di titoli di trasporto. Tale richiesta, depositata in primavera in piena crisi coronavirus, riguarda diverse centinaia di dipendenti. Il canton Berna ha pure respinto una domanda simile da parte delle FFS.

La questione di sapere se le aziende dei trasporti pubblici abbiano la possibilità di ottenere o meno queste indennità è controversa a livello federale. Sono comunque le autorità cantonali a essere responsabili dell'esame delle richieste legate al lavoro ridotto.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.