Navigation

Coronavirus: mortalità in Ticino aumentata del 97%

La mortalità in Ticino è raddoppiata nei tempi del coronavirus (foto simbolica) KEYSTONE/TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 26 aprile 2020 - 12:18
(Keystone-ATS)

La pandemia di coronavirus, diffusa in tutta la Svizzera, colpisce duramente il Ticino: il numero dei morti nel cantone italofono è raddoppiato rispetto a tempi normali.

Lo rileva oggi il SonntagsBlick, che ha analizzato le cifre pubblicate venerdì dall'Ufficio federale di statistica (UST).

Secondo i dati dell'UST, negli anni tra il 2015 e il 2019, tra metà marzo e metà aprile in Ticino sono morte mediamente 62 persone alla settimana. Quest'anno - caratterizzato dalla presenza del coronavirus - i decessi registrati mediamente in una settimana nello stesso periodo sono stati 122, pari a un incremento del 97%, sottolinea il domenicale.

Secondo i dati dell'UST nei Grigioni la media di decessi a settimana negli ultimi cinque anni, tra metà marzo e metà aprile, è stata di 33, mentre quest'anno è stata di 41.

Una sovramortalità del 97% - continua il settimanale - mai vista prima dalla Svizzera e questo nonostante il lockdown, sottolinea. A termine di confronto, il tasso di mortalità più elevato dovuto all'influenza stagionale di questo inverno è stato di quasi il 10%, precisa il SonntagsBlick. E nell'anno peggiore come il 2017 ha raggiunto quasi il 25%, aggiunge.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.