Navigation

Coronavirus: nuove stime Usa, 60'000 morti entro agosto

Negli Usa il nuovo coronavirus dovrebbe mietere meno vittime di quanto inizialmente previsto. KEYSTONE/EPA/CENTERS FOR DISEASE CONTROL AND PREVENTION HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2020 - 16:59
(Keystone-ATS)

Sono circa 60'000 gli abitanti degli Usa che potrebbero morire entro l'inizio di agosto. Lo afferma uno studio della University of Washington di Seattle, città che è stata uno dei primi focolai della pandemia negli Stati Uniti.

Le stime precedenti parlavano di quasi 82'000 morti, e la task force della Casa Bianca aveva stimato addirittura tra i 100'000 e i 240'000 decessi. La revisione al ribasso - si spiega - coincide con il relativo ottimismo sul fatto che i casi potrebbero aver raggiunto il cosiddetto "plateau" in alcune aree, a partire dallo Stato di New York, epicentro della pandemia negli Stati Uniti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.