Navigation

Coronavirus: Olanda propone fondo Ue di emergenza

Il premier olandese Mark Rutte in parlamento. Keystone/EPA ANP/BART MAAT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 aprile 2020 - 14:40
(Keystone-ATS)

Il premier olandese Mark Rutte ha annunciato ieri in parlamento una proposta olandese per un fondo Ue di emergenza, destinato a coprire i costi sanitari immediati dell'epidemia di coronavirus.

Anche la posizione del governo olandese in merito alle misure necessarie ad affrontare la crisi provocata dalla pandemia di Covid-19 inizia quindi a cambiare.

"Il paese - ha detto Rutte, secondo quanto riferito stanotte dalla Rappresentanza dei Paesi Bassi presso l'Ue, - è solidale con le nazioni che sono colpite sempre più duramente" dalla malattia, "incluse le loro economie: non ci può essere dubbio su questo punto, vogliamo aiutare quei paesi. E non esiste che alcuni paesi non siano in grado di fornire sufficienti cure mediche a causa di una carenza di finanze pubbliche. E per questo che i Paesi Bassi suggeriscono di creare un fondo per il coronavirus separato, alimentato da contributi degli Stati membri, e intende fare un contributo sostanzioso al fondo".

"Non si tratta di prestiti né di garanzie - ha precisato - ma di doni per aiutare persone che hanno bisogno. Il fondo dovrebbe coprire l'assistenza medica per i paesi che sono colpiti duramente e che ne hanno bisogno dal punto di vista finanziario. È della massima importanza che gli Stati membri dell'Ue si aiutino gli uni con gli altri per curare i malati", ha concluso.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.