Navigation

Coronavirus: Oms, tempo solidarietà, non stigmatizzare pazienti

Il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus sul coronavirus: "Il peggior nemico non è il virus ma la stigmatizzazione". KEYSTONE/SALVATORE DI NOLFI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 15 febbraio 2020 - 15:56
(Keystone-ATS)

"Questo deve essere il tempo della solidarietà, e non della stigmatizzazione dei pazienti".

Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, intervenendo alla conferenza sulla sicurezza di Monaco di Baviera (D) sull'emergenza generata dal coronavirus. "Il peggior nemico non è il virus ma la stigmatizzazione", ha aggiunto.

Il numero uno dell'Oms ha messo anche in guardia dalle fake e dalle voci incontrollate: "Noi non lottiamo con un'epidemia ma con una 'infodemia', dobbiamo fare in modo che le fake news non si diffondano", ha sottolineato in un altro passaggio del suo intervento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.