Navigation

Coronavirus: ospedali universitari, rischio di nuove fiammate

Gli ospedali universitari approvano l'allentamento delle misure anti-Covid-19 per le attività economiche, ma mettono in guardia contro un'apertura troppo rapida, per l'alto rischio di nuove fiammate di epidemia. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2020 - 17:52
(Keystone-ATS)

Gli ospedali universitari approvano l'allentamento delle misure anti-Covid-19 per le attività educative ed economiche, ma mettono in guardia contro un'apertura troppo rapida perché il rischio di nuove fiammate di epidemia è molto alto.

Lo annuncia un comunicato odierno della associazione svizzera di medicina universitaria (unimedsuisse), che allo stesso tempo esorta la popolazione a non trascurare altre malattie. In caso di emergenza, è essenziale farsi curare rapidamente.

Unimedsuisse accoglie con favore le misure adottate dal Consiglio federale nelle scorse settimane per contenere la pandemia di Covid-19. Sono estremamente efficaci, sottolinea la nota. Il numero di persone curate negli ospedali universitari per coronavirus è diminuito notevolmente nell'ultima settimana. E ciò vale sia per i casi lievi che per i pazienti in terapia intensiva. L'aumento massiccio della capacità di posti letto è stato sufficiente anche al culmine dell'ondata di malattia respiratoria acuta causata dal SARS-CoV-2.

Ma "considerato l'elevato rischio di un ulteriore aumento del numero di casi, è importante che le misure vengano ora allentate con molta cautela", scrive l'associazione che riunisce gli ospedali universitari di Basilea, Berna, Ginevra, Losanna e Zurigo e le cinque facoltà di medicina della Svizzera.

In particolare Unimedsuisse sostiene espressamente le norme statali volte a limitare i grandi eventi, poiché presentano un elevato rischio di ulteriore diffusione del virus SARS-CoV-2.

Gli ospedali universitari ricordano poi che malattie gravi ed emergenze non devono essere trascurate. Hanno infatti constatato che il loro numero per questioni diverse dalla Covid-19 è diminuito e che alcune delle persone colpite hanno chiesto una consultazione troppo tardi. Le conseguenze possono essere gravi se, per esempio, infarti o ictus non vengono trattati immediatamente, scrive Unimedsuisse.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.