Navigation

Coronavirus: ottenuti due farmaci su misura

Il risultato è stato ottenuto da scienziati cinesi (foto d'archivio). KEYSTONE/AP/MARK SCHIEFELBEIN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 22 aprile 2020 - 18:50
(Keystone-ATS)

Ottenuti due farmaci specifici, progettati e sintetizzati per combattere il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 attaccando l'enzima proteasi, utilizzato per moltiplicarsi.

Pubblicato sulla rivista Science, il risultato è stato ottenuto dal gruppo di Wenhao Dai, dell'Accademia Cinese delle Scienze.

Diventano così tre le molecole sintetizzate per colpire il nuovo coronavirus nei suoi punti cruciali. La prima era stata ottenuta nel marzo scorso nei Paesi Bassi e ha come bersaglio la proteina Spike, l'arpione con cui il virus aggredisce le cellule per invaderle. Tutte e tre le molecole sono candidate a diventare farmaci, ma prima dovranno affrontare l'iter della sperimentazione clinica. Ci vorrà quindi del tempo prima che siano disponibili.

Ottenere questi farmaci è stato possibile grazie alla ricostruzione della struttura molecolare del virus e delle sue componenti: avere visto in dettaglio come sono fatti l'enzima che lo fa moltiplicare e la proteina Spike ha permesso di progettare molecole capaci di bloccare entrambi, disattivandoli.

Gli inibitori della proteasi ottenuti dall'Accademia Cinese delle Scienze si chiamano 11a e 11b. Osservati in laboratorio, in azione in una coltura cellulare, "hanno fortemente inibito la proteasi del SARS-CoV-2 ". Sperimentato nei topi, l'inibitore della proteasi 11a ha mostrato di avere una bassa tossicità meglio. Per questa molecola la sperimentazione prosegue ora a livello preclinico per ottenere i risultati sulla tossicità: se questi indicheranno che la molecola è sicura, allora si potrà passare alla sperimentazione sull'uomo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.