Navigation

Coronavirus: Panza (Lega), 'rischio contagio da Grigioni e Vallese'

Un europarlamentare italiano lancia l'allarme su possibili contagi d'importazione provenienti da Grigioni e Vallese. KEYSTONE/OLIVIER MAIRE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2020 - 14:15
(Keystone-ATS)

Un europarlamentare italiano della Lega lancia l'allarme su possibili contagi d'importazione provenienti da Grigioni e Vallese. Più fiducia viene invece espressa nei confronti del Ticino.

Nei Cantoni del Vallese e dei Grigioni, a differenza che nel Canton Ticino, rimangono aperte numerose "attività non indispensabili", come i cantieri edili, con "numerose segnalazioni" di mancato rispetto degli standard di sicurezza per prevenire il contagio da Sars-Cov-2. Pertanto, per le zone di confine si rischia un contagio d'importazione, per via dei numerosi lavoratori frontalieri. È quanto sostiene Alessandro Panza, europarlamentare italiano della Lega.

"Sulla questione dei frontalieri Italia-Svizzera, da me più volte sollecitata - dice Panza - è stata avviata una interlocuzione con il governo italiano, in particolare con il sottosegretario Ivan Scalfarotto, che ringrazio: è un passo in avanti importante, per il quale esprimo soddisfazione".

"Permangono tuttavia - prosegue - alcune situazioni di criticità da affrontare e risolvere quanto prima. Mentre il Canton Ticino ha adottato limitazioni simili a quelle del nostro Paese, nel Canton Vallese e nel Canton Grigioni risultano essere tuttora aperte attività non indispensabili, quali i cantieri dell'edilizia, e sono numerose le segnalazioni su operai che lavorano senza il rispetto degli standard di sicurezza".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.