Navigation

Coronavirus: Placido Domingo dimesso dall'ospedale

Placido Domingo continuerà la convalescenza nella residenza di sua proprietà ad Acapulco (immagine d'archivio). KEYSTONE/AP/Bernat Armangue sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2020 - 08:15
(Keystone-ATS)

Placido Domingo è stato dimesso da un ospedale di Acapulco, in Messico, dove era ricoverato da alcuni giorni dopo aver contratto il coronavirus, responsabile della malattia Covid-19.

Lo annuncia lo stesso tenore su Facebook, aggiungendo di essere a casa e di sentirsi bene. Ora continuerà la convalescenza nella residenza di sua proprietà nella città messicana. La notizia mette fine alle congetture su un presunto peggioramento delle condizioni di salute dell'artista spagnolo, che ha 79 anni.

Domingo ha voluto chiarire la situazione attraverso la sua pagina Facebook sottolineando che sulle sue condizioni di salute erano state scritte e dette molte informazioni confuse e scorrette.

"Sono in casa mia - ha indicato il tenore - e mi sento bene, Fortunatamente fin dal primo sintomo (il 22 marzo, ndr) mi trovavo, come sempre, sotto controllo medico, data la mia età e le mie patologie".

Per questo, ha proseguito, "l'infezione da coronavirus è stata subito al centro del primo sospetto e questo mi ha aiutato molto. Adesso sto continuando la terapia ed il riposo".

Giorni fa, quando il contagio si era manifestato, Domingo ne aveva parlato personalmente, sempre via Facebook: "Sento che è mio dovere morale annunciarvi che sono risultato positivo al coronavirus. Ho avuto febbre, e tosse, per cui ho deciso di sottopormi al test che ha confermato la presenza del virus.

Ieri, poi, l'ospedale Del Prado di Acapulco dove era ricoverato aveva per la prima volta confermato la sua presenza sostenendo che il tenore rispondeva bene alle terapie ed era in "condizioni stabili".

Domingo, dopo le accuse di violenze sessuali, molte delle quali provate, di cui è stato oggetto lo scorso anno da parte di almeno dodici donne, è stato praticamente costretto ad abbandonare l'attività artistica.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.