Navigation

Coronavirus: PMI svizzere preoccupate per giro d'affari

Le piccole e medie imprese svizzere sono preoccupate per i loro fatturati se la crisi proseguirà KEYSTONE/MARTIN RUETSCHI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2020 - 11:35
(Keystone-ATS)

A causa delle misure di confinamento per contrastare l'epidemia di Covid-19, un quarto delle PMI svizzere stima un calo del giro d'affari di almeno il 50%.

Dal canto suo, circa la metà delle imprese interrogate ritiene "probabile" un fallimento se i provvedimenti fossero mantenuti.

Le misure attuate per lottare contro il coronavirus "mettono a repentaglio la situazione finanziaria di gran parte" delle 590'000 piccole e medie imprese svizzere e minacciano così numerosi posti di lavoro, stando a un sondaggio di Generali Suisse e dell'Associazione svizzera delle PMI pubblicato oggi.

Circa il 40% delle aziende intervistate ha risposto di aver iscritto i loro dipendenti alla disoccupazione parziale, il 32% di aver chiesto un credito ponte presso la Confederazione, mentre il 7% ha dovuto pronunciare licenziamenti. Il 22% invece non ha preso alcuna decisione particolare.

Le conseguenze sono pure importanti per il fatturato. Un quarto delle PMI ritiene che subirà una perdita della redditività del 50% o più. Circa la metà considera "probabile" un fallimento se la situazione non si allenterà. Tale rischio viene giudicato "improbabile" per oltre il 20% delle società interrogate.

Circa il 20% delle aziende reputa che sarà a corto di liquidità nel prossimo mese e si trova già in serie difficoltà. Quasi il 60% afferma che sarà in serie difficoltà se non potrà riprendere gli affari come d'abitudine nei prossimi quattro mesi.

Un aiuto che consentirebbe di risparmiare i costi è anzitutto la sospensione delle polizze di assicurazione che non sono attualmente necessarie, il differimento delle fatture o degli affitti. Il 12% delle aziende si vedrà altrimenti costretta a licenziare personale.

Un quarto delle società si è inoltre adattato a questo periodo eccezionale introducendo consulenze e vendite online, un servizio di consegna a domicilio o ancora la possibilità di acquistare "takeaway".

Una volta terminata la crisi, un terzo delle PMI auspica di sviluppare attività promozionali, un quarto vuole procedere a offerte speciali e a ribassi, mentre il 14% prevede di estendere il proprio assortimento di prodotti.

Complessivamente 716 società hanno risposto al sondaggio, che è stato condotto dal 3 al 17 aprile scorsi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.