Navigation

Coronavirus: SECO, richieste lavoro ridotto in netto aumento

Stando a Zürcher, i numeri continueranno a crescere. KEYSTONE/PETER SCHNEIDER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 10:22
(Keystone-ATS)

Il coronavirus ha un impatto crescente sull'occupazione in Svizzera. Dall'inizio di marzo, le richieste approvate per il lavoro a orario ridotto sono notevolmente aumentate.

Secondo quanto affermato oggi da Boris Zürcher, direttore della Direzione del lavoro presso la Segreteria di Stato dell'economia (SECO), sono state accettate le domande di 75 aziende riguardo 2516 dipendenti.

Il Consiglio federale deciderà durante la settimana in merito alle semplificazioni di questo strumento. Il quadro è completamente cambiato dopo che, alla fine di febbraio, lo stesso governo ha ordinato il divieto a livello nazionale di qualsiasi manifestazione con almeno 1000 persone.

Infatti, in tutto febbraio erano state solo 18 le società, per un totale di 498 dipendenti, ad aver ricevuto una notifica positiva riguardo il lavoro a orario ridotto, ha sottolineato Zürcher nel corso di una conferenza telefonica. L'incremento più significativo registrato da inizio marzo proviene dal canton Zurigo.

Tra i settori più toccati vi sono l'alberghiero e la ristorazione, ma anche servizi tecnici, scientifici e commerciali, oltre ad arte e intrattenimento. Ad aver depositato richieste vi sono anche ad esempio organizzatori di eventi, agenzie di viaggio e artisti, ha puntualizzato Zürcher. Tradizionalmente invece, le domande di lavoro a tempo ridotto concernono ambiti come l'industria meccanica, elettrica e metallurgica.

Zürcher parte dal presupposto che i numeri continueranno a crescere. I Cantoni sono pronti ad approvazioni rapide per accelerare la procedura. All'orizzonte vi potrebbe inoltre essere la riduzione del numero dei giorni d'attesa e del periodo che intercorre tra la notifica preventiva e l'effettiva introduzione del lavoro ridotto. "L'obiettivo è quello di preservare gli impieghi", ha evidenziato l'esperto della SECO.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.