Navigation

Coronavirus: secondo la task force urgono misure più severe

Secondo la task force della Confederazione per la lotta al coronavirus, urgono misure più rigorose in considerazione della nuova variante più infettiva del virus KEYSTONE/VALENTIN FLAURAUD sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 25 dicembre 2020 - 16:56
(Keystone-ATS)

Secondo la task force della Confederazione per la lotta al coronavirus, urgono misure più rigorose in considerazione della nuova variante più infettiva del virus. È inoltre necessario un immediato ampliamento delle capacità cantonali di test e di tracciamento.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha riferito che la nuova variante del virus registrata in Gran Bretagna, denominata COV-202012/01, è già stata rilevata in due campioni in Svizzera. Ora si stanno compiendo grandi sforzi per analizzare se il virus si sia già diffuso ulteriormente in Svizzera, scrive la task force federale in una presa di posizione diffusa oggi.

In base alle informazioni provenienti da diverse autorità sanitarie il VOC-202012/01 si diffonde rapidamente ed è probabilmente più contagioso di altre mutazioni del Sars-Cov-2. Attualmente però non ci sono indicazioni che la nuova variante del virus causi malattie più gravi di altre, e nemmeno che non sia coperta dalla risposta immunitaria indotta dai vaccini, sottolinea la task force. Comunque la variante "britannica" costituisce un ulteriore rischio e la sua diffusione diffusione renderebbe più difficile il controllo dell'epidemia in Svizzera.

Il gruppo di esperti della Confederazione ricorda di aver già comunicato il 15 dicembre che, a suo avviso, ci vogliono misure severe a livello nazionale per combattere il coronavirus. L'emergere della variante verosimilmente ancora più infettiva aumenta ulteriormente questa urgenza, scrive ora la task force.

Essa ritiene che per evitare o rallentare la diffusione del VOC-202012/01, oltre alla riduzione dei contatti, sia necessario un immediato potenziamento delle capacità cantonali di analisi e di tracciamento, nonché la conseguente applicazione delle disposizioni di isolamento e di quarantena. Nella situazione attuale sono poi particolarmente importanti gli sforzi per identificare i focolai e le fonti di infezione.

Tutte le misure già note sono efficaci anche contro la nuova mutazione del virus, aggiunge la task force. E dato che il virus l'infezione si trasmette con i contanti occorre ridurli il più possibile.

Da settimane la Svizzera si trova in una situazione forte pericolo epidemiologico, con un numero molto elevato di infezioni e di decessi, con un aumento costante in diverse regioni e con un sistema sanitario sottoposto a una pressione straordinaria. E - sottolineano gli esperti scientifici - i prossimi giorni e settimane comportano ulteriori fattori di rischio: la stagione delle feste e il turismo invernale aumentano infatti i contatti e la mobilità delle persone.

Condividi questo articolo