Navigation

Coronavirus: Siria, verso il coprifuoco nei vari territori

Una moschea a Idlib, in Siria. KEYSTONE/AP/Felipe Dana sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 marzo 2020 - 16:17
(Keystone-ATS)

La Siria, dove ufficialmente non si sono finora registrati casi positivi al Covid-19, si avvia verso il coprifuoco preventivo contro il coronavirus nei vari territori sotto controlli politici e militari diversi.

Il governo centrale di Damasco ha annunciato oggi nuove misure, come la chiusura di tutti i negozi, con l'eccezione di farmacia e alimentari, e la riduzione al minimo del numero di impiegati negli uffici pubblici di tutte le aree sotto il controllo governativo.

Dal canto suo, il governo provvisorio filo-turco, che formalmente amministra per conto di Ankara alcuni distretti nel nord-ovest tra Idlib e Aleppo, ha annunciato l'imposizione "a breve" del coprifuoco perché "si sta entrando in una fase pericolosa".

E nel nord-est, nelle zone amministrate dalle autorità curdo-siriane, si intensificano i preparativi sanitari per far fronte all'emergenza ma si lamenta la scarsità di mezzi e strutture nel territorio orientale e nord-orientale siriano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.