Navigation

Coronavirus: sostegno alla cultura, pubblicate linee guida

Sostegno alla cultura, pubblicate le linee guida KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2020 - 11:38
(Keystone-ATS)

Sono disponibili le linee guida per l'attuazione delle misure di sostegno al settore della cultura. Queste, precisa l'Ufficio federale della cultura (UFC) in una nota, sono state elaborate in collaborazione con i Cantoni. Da oggi si può quindi inoltrare le richieste.

"Gli aiuti finanziari - indica l'UFC - possono essere richiesti presso i Cantoni, l'associazione Suisseculture Sociale e le associazioni mantello nell'ambito della culturale amatoriale". I singoli Cantoni potranno effettuare i versamenti non appena avranno firmato il contratto di prestazioni con la Confederazione.

Più in dettaglio, per le imprese culturali - con o senza scopo di lucro - i cui eventi sono stati annullati o rinviati è previsto un versamento pari all'80% dei danni economici al massimo. Solo per le imprese culturali senza scopo di lucro è previsto anche un "sostegno alla liquidità" attraverso aiuti immediati. Questi possono ammontare al massimo al 30% dei ricavi figuranti nell'ultimo conto annuale rivisto. Tutte le richieste sono da depositare presso il cantone in cui l'impresa ha sede.

Per gli operatori culturali, oltre all'indennità per lavoratori indipendenti, sono previsti aiuti finanziari d'emergenza per coprire le spese di mantenimento immediate. Il massimo erogabile è pari a 196 franchi al giorno. Le domande sono inoltrare all'associazione Suisseculture Sociale. Le indennità per perdita di guadagno causate dall'annullamento o dal rinvio di manifestazioni, 80% dei danni economici al massimo, sono da chiedere al cantone di domicilio.

Un sostegno è previsto anche per le organizzazioni culturali amatoriali attive nel campo della musica e del teatro (incluso ballo, danze popolari, costumi e jodel). Le indennità sono pari a 10'000 franchi per organizzazione al massimo. Le domande sono da depositare presso le associazioni di categoria.

Tutte queste misure sono specifiche al campo culturale che si aggiungono a quelle per l'intero settore economico, come l'integrazione salariale tramite indennità per lavoro ridotto, sostegno alla liquidità, rinvio dei termini di pagamento e integrazione del guadagno mediante indennità per lavoratori indipendenti.

Il 20 marzo 2020 il Consiglio federale ha deciso una serie di misure per attenuare l'impatto economico della pandemia di coronavirus. Il sostegno al settore culturale è pari a 280 milioni di franchi.

La relativa ordinanza ha validità di due mesi. In questo lasso di tempo l'UFC e la fondazione Pro Helvetia, insieme ai Cantoni e alle organizzazioni culturali (in particolare Suisseculture Sociale), osserveranno gli sviluppi e valuteranno una eventuale estensione del periodo di validità.

Per maggior informazioni: https://www.bak.admin.ch/bak/it/home/temi/covid19.html.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.