Su richiesta della Confederazione, Swisscom rileverà raggruppamenti di persone tramite cellulare. L'operatore informerà le autorità federali quando 20 telefonini si trovano in uno spazio di 10'000 metri quadrati (100 metri per 100 metri).

A causa della pandemia di Covid-19, da sabato in tutta la Svizzera sono vietati i raduni di più di cinque persone in spazi pubblici. Per far rispettare questa misura, Berna intensifica i suoi sforzi e coinvolge Swisscom.

I dati delle carte SIM non saranno comunicati immediatamente all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), ma con un ritardo di 24 ore, ha comunicato a Keystone-ATS il portavoce di Swisscom Christian Neuhaus, facendo riferimento alle informazioni pubblicate oggi sul sito del quotidiano Le Temps.

I rilevamenti saranno effettuati solo in spazi pubblici. Il provvedimento non riguarda gli edifici residenziali e i locali commerciali.

Solo poche persone dell'UFSP avranno accesso ai dati, che saranno resi anonimi: né l'identità degli individui né il loro profilo di movimento potrà essere tracciato o trasmesso, assicura il maggiore operatore telefonico elvetico.

Sia la Confederazione che Swisscom si basano sulla legislazione vigente in materia di pandemia. Queste informazioni non potranno essere utilizzate per altri scopi o combinate con altri dati, men che meno nell'ambito di procedimenti penali, sottolinea il gigante blu.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.