Navigation

Coronavirus: Tavolino magico riprende la distribuzione

Il Tavolino magico riprende la distribuzione di cibo in tutta la Svizzera gradulamente KEYSTONE/TI-PRESS/PABLO GIANINAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2020 - 12:05
(Keystone-ATS)

Tavolino Magico riprenderà gradualmente la distribuzione di generi alimentari a persone bisognose, con modalità diverse per rispettare le direttive dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

Entro fine maggio saranno attivi 43 centri di distribuzione e circa 2000 famiglie potranno nuovamente essere aiutate, precisa un comunicato. In Ticino hanno già riaperto cinque centri che riforniscono 800 persone.

La chiusura delle attività decretata dal Consiglio federale ha causato anche la sospensione temporanea della distribuzione di alimenti: dal 16 marzo i circa 20 000 beneficiari hanno dovuto rinunciare al sostegno alimentare dei 132 centri dell'associazione in tutta la Svizzera. Gran parte dei 3000 volontari del Tavolino magico ha 65 anni e quindi appartiene ai gruppi a rischio. Inoltre nelle sei piattaforme logistiche lavoravano perlopiù persone provenienti da programmi occupazionali, che sono stati sospesi quando la situazione è peggiorata.

I centri di distribuzione potranno ora riaprire solo se sono in grado di rispettare le disposizioni sul distanziamento sociale. Inoltre i team di volontari dovranno essere composti solo da persone giovani che non rientrano nei gruppi a rischio.

I volontari prepareranno il cibo in borse di carta e sacchi termici. Ai beneficiari viene assegnata una fascia oraria per il ritiro, in modo che gli arrivi avvengano in maniera scaglionata. Devono recarsi nei centri di persona, senza accompagnatori, e attendere all'esterno, rispettando una distanza di 2 metri.

Queste nuove disposizioni sono già state applicate con successo prima di Pasqua in tre centri di distribuzione,: Hinwil (ZH), Lyss (BE) e Lugano-Viganello (TI). La decisione di riaprire i centri di distribuzione verrà presa dai volontari stessi e dovrà essere strettamente coordinata con la logistica di Tavolino Magico.

Nella Svizzera italiana oltre 1800 famiglie ricevono aiuti dal Tavolino magico. Il 7 aprile il primo centro di distribuzione a Lugano-Viganello ha riaperti rispettando le distanze sociali. Questa settimana sono stati riattivati altri quattro centri (a Bellinzona, Lugano e Locarno; dettagli su www.tavolinomagico.ch) che possono distribuire cibo a circa 800 persone, anche grazie al sostegno dei comuni. Gli altri centri, in tutto 14, saranno riaperti gradualmente secondo le capacità della logistica, che ora è notevolmente ridotta, precisa il comunicato.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.