Navigation

Coronavirus: turismo svizzero, fatturato può perdere mezzo miliardo

Martin Nydegger dipinge uno scenario poco rassicurante per il settore. KEYSTONE/PATRICK HUERLIMANN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 marzo 2020 - 16:15
(Keystone-ATS)

Il promettente inizio di 2020 del turismo svizzero sarà verosimilmente un fuoco di paglia. A causa dell'epidemia di coronavirus, il futuro prossimo del settore si prospetta difficile.

Stando al direttore di Svizzera Turismo, Martin Nydegger, si prevede un calo del fatturato di oltre mezzo miliardo di franchi per l'anno in corso.

Secondo le stime, ha affermato Nydegger in un'intervista concessa oggi all'agenzia finanziaria AWP, gli ospiti stranieri riserveranno circa 2,1 milioni di pernottamenti in meno rispetto all'anno scorso. Ciò comporterebbe una perdita di oltre 530 milioni, senza contare i buchi nella gastronomia e nelle fiere.

Nel 2019 l'industria alberghiera elvetica ha vissuto l'anno migliore di sempre, stabilendo un nuovo record a quota 39,6 milioni di pernottamenti. Di questi, 21,6 milioni erano attribuibili a viaggiatori provenienti dall'estero.

L'unica speranza è rappresentata dagli svizzeri. Secondo Nydegger, in ragione della crisi è probabile che trascorreranno più vacanze vicino a casa. A suo avviso, in contesti del genere la gente preferisce andare in ferie in auto o in treno piuttosto che lanciarsi in lunghi viaggi.

Tuttavia, da soli gli svizzeri non saranno in grado di compensare il crollo che si staglia all'orizzonte. Nydegger ipotizza che i confederati potrebbero portare una crescita del volume d'affari di 56 milioni, prenotando circa 400'000 notti in più negli hotel nazionali.

Ci si attende un calo di un quarto per i turisti asiatici, del 20% per quelli statunitensi e del 10% per quelli europei. "Al momento siamo nel bel mezzo della bufera, è il momento peggiore", ha detto Nydegger. Per recuperare serviranno due o tre anni.

Il coronavirus lascerà segni profondi nell'industria alberghiera elvetica. "Non tutti sopravviveranno, purtroppo si va verso delle chiusure", ha commentato ancora il numero uno di Svizzera Turismo, ricordando come i margini di profitto del settore siano sottili.

Per evitare un'ondata di fallimenti, Nydegger spera nel sostegno della politica, per esempio concedendo una dilazione del pagamento dell'IVA e dei contributi sociali, e in una facilitazione della procedura per ottenere il via libera al lavoro ridotto. Ha inoltre fatto appello alle banche affinché siano più accomodanti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.