Navigation

Coronavirus: UFSP, +36 contagi, zero in Ticino

In Svizzera in 24 ore si sono registrati 36 nuovi contagi e 18 decessi. Invariati rispetto a ieri i dati in Ticino (foto simbolica) KEYSTONE/ALESSANDRO DELLA VALLE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 maggio 2020 - 13:53
(Keystone-ATS)

In Svizzera e nel Liechtenstein nelle ultime 24 ore sono stati confermati 36 nuovi casi di coronavirus (30'380 in totale); ieri erano 39 e domenica 54.

Secondo dati forniti all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) i morti sono 1561 (+18). In Ticino per la prima volta non si registrano né nuove infezioni né ulteriori decessi.

Secondo il conteggio dell'agenzia Keystone-ATS, basato sui dati dei cantoni, i decessi dovuti al Covid-19 sono 1846.

Nel rapporto, pubblicato come di consuetudine sul suo sito, l'UFSP precisa che degli oltre 316'852 test effettuati finora, circa l'11% è risultato positivo. L'incidenza della malattia (casi per 100'000 abitanti) a livello nazionale si situa a 354.

In Ticino - in base ai dati divulgati dalle autorità cantonali - per il secondo giorno consecutivo non si registrano decessi per cui il numero di morti resta fermo a 340. Inoltre per la prima volta non si segnalano nuovi contagi, invariati a 3268. Nei Grigioni i morti sono 46 (+1) e le infezioni sono stabili a 820.

Il Ticino resta il secondo cantone con l'incidenza più alta (916.1). Il cantone italofono è superato da Ginevra (1035.1) e seguito da Vaud (685.6) e Basilea Città (576.6). Nei Grigioni l'incidenza è di 400.7 .

L'UFSP dispone anche dei dati di 3430 persone ricoverate in ospedale. La loro età varia da 0 a 102 anni, con un'età mediana di 72 anni (50% delle persone ricoverate ha un'età inferiore, 50% un'età superiore). Nel 60% dei casi si tratta di uomini, nel 40% di donne. L'86% dei ricoverati aveva una o più patologie preesistenti, in particolare ipertensione arteriosa, malattie cardiovascolari o diabete.

Su 1486 persone decedute di cui si hanno dati completi, il 97% soffriva di una o più malattie persistenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.