Navigation

Coronavirus: UFSP, 9 nuovi casi

Solo nove nuovi casi di coronavirus sono stati registrati ieri dalla Confederazione. KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2020 - 12:41
(Keystone-ATS)

Sono 9 le nuove infezioni da Covid-19 confermate in Svizzera nelle ultime 24 ore (30'965 in totale). Secondo il bollettino quotidiano dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), almeno 1661 persone sono morte, un bilancio invariato rispetto a ieri.

La diffusione del coronavirus si conferma quindi stabilmente su livelli bassi. Ieri l'incremento è stato di 20 contagi, fra giovedì e venerdì di 23.

Secondo un conteggio dell'agenzia Keystone-ATS, basato sulle informazioni dei cantoni, i decessi legati al coronavirus sono 1921. La Confederazione si appoggia invece sulle cifre fornite da laboratori e medici, il che spiega tale discrepanza.

Nel rapporto odierno, pubblicato come di consuetudine sul suo sito, l'UFSP precisa che dei 423'468 test effettuati finora, il 9% è risultato positivo. Più tamponi possono essere stati fatti alla stessa persona. L'incidenza della malattia (casi per 100'000 abitanti) a livello nazionale si situa a 361.

A livello cantonale, da ricordare che da un paio di giorni il Ticino ha smesso di aggiornare i numeri con scadenza quotidiana. Con il bilancio fermo a venerdì, i casi registrati restano pertanto 3316 e i morti 348. Nei Grigioni siamo a 828 infezioni e 48 decessi.

L'incidenza in Ticino è a quota 930. Il cantone italofono è superato da Ginevra (1049.7) e seguito da Vaud (695.9) e Basilea Città (581.7). L'incidenza nei Grigioni è di 403.8 casi per 100'000 abitanti.

Ad oggi sono stati segnalati 3983 ricoveri ospedalieri in relazione al coronavirus. L'UFSP dispone dei dati completi di 3556 pazienti. La loro età varia da 0 a 102 anni, con un'età mediana di 72 anni (50% delle persone ricoverate ha un'età inferiore, 50% un'età superiore). L'età mediana delle persone decedute è invece pari a 84 anni e il 97% soffriva di malattie pregresse.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.