Navigation

Coronavirus: Vienna, Italia è ancora un focolaio

Il ministro della salute austriaco Rudolf Anschober. KEYSTONE/APA/APA/HELMUT FOHRINGER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 28 maggio 2020 - 10:51
(Keystone-ATS)

"L'Italia è ancora un focolaio, anche se in alcune regioni la situazione è migliorata e l'impegno è grande". Lo afferma il ministro alla salute austriaco, Rudolf Anschober, in un'intervista al quotidiano Oberoesterreichischen Nachrichten.

"Sono un sostenitore della libertà di movimento, ma con l'Italia dobbiamo ancora essere prudenti", aggiunge il ministro, citando per l'Italia 382 casi Covid per 100'000 abitanti contro i 55 in Croazia e 70 in Slovenia.

Il ministro sottolinea che per ora resta in vigore l'obbligo di tampone negativo per l'ingresso in Austria. Anschober non teme malumori diplomatici. "È vero che la Slovenia rivendica di avere dati positivi, ma è anche vero che dalla Slovenia si arriva facilmente in Italia", afferma il ministro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.