Navigation

Coronavirus: Vienna vieta 'après sci' per salvare stagione

Tempi duri per i bar Après Ski in Austria: per salvare il salvabile non si potrà ballare e sarà obbligatorio stare seduti. KEYSTONE/APA/APA/JAKOB GRUBER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2020 - 13:08
(Keystone-ATS)

'Divertimento sugli sci sì, ma senza après sci'. E' questo lo slogan lanciato dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz per salvare la stagione sciistica in tempi di coronavirus.

Il 'dopo sci', ovvero concludere la giornata sulla neve in baita ballando e bevendo, in Austria viene considerato la causa dei primi importanti focolai a febbraio, per esempio a Ischgl.

"I numeri di contagio sono troppo alti, dobbiamo fermare la crescita", ha ribadito Kurz in conferenza stampa. In Austria questo inverno il distanziamento di un metro e l'obbligo di mascherina sarà in vigore anche sulle funivie. I corsi di sci saranno limitati a dieci partecipanti. I maestri saranno testati regolarmente. Nelle baite sulle piste, che di solito ospitavano 'l'après sci', scatterà l'obbligo dei posti a sedere.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.