Navigation

Corruzione: MPC ha confiscato 160 milioni in quattro anni

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 agosto 2011 - 15:07
(Keystone-ATS)

Il ministero pubblico della Confederazione (MPC) ha confiscato negli ultimi quattro anni oltre 160 milioni di franchi nell'ambito della sua lotta contro la corruzione internazionale. I soldi, provenienti dai "fondi neri" di imprese multinazionali, sarebbero stati destinati per lo più a funzionari all'estero.

L'informazione, pubblicata oggi dal domenicale svizzerotedesco "Der Sonntag", è stata confermata all'ats da un portavoce dell'MPC: tra il 2008 e il giugno 2011 sono stati sequestrati in tutto 108,3 milioni di franchi e 32 milioni di dollari sulla base dell'articolo 322septies del codice penale, che punisce la "corruzione di pubblici ufficiali stranieri". Nello stesso periodo sono stati confiscati 18,8 milioni di franchi in rapporto al procedimento relativo al programma dell'Onu "Petrolio contro cibo" in Iraq. Altri 50'000 franchi circa sono stati infine sequestrati in base all'articolo 322ter e seguenti, che riguardano la corruzione di pubblici ufficiali svizzeri.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?