Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dove un bimbo è concepito con lo sperma di un donatore anonimo anche la coniuge della mamma biologica deve essere indicata come genitore sull'atto di nascita (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/EPA ANSA/ALESSANDRO DI MARCO

(sda-ats)

Sul certificato di nascita dei figli delle coppie gay sposate può essere indicato il nome di entrambi i genitori, anche di quello che non è genitore biologico.

Lo ha stabilito la Corte Suprema degli Stati Uniti, bocciando una legge dell'Arkansas che lo impediva e dando ragione a una coppia di donne sposate.

Una Corte statale aveva appoggiato la legge dell'Arkansas, sottolineando come il certificato di nascita dovesse essere un documento che certifichi una parentela reale. Ma l'Alta Corte ha respinto questo argomento, sottolineando come in situazioni dove un bimbo è concepito con lo sperma di un donatore anonimo anche la coniuge della mamma biologica deve essere indicata come genitore.

Neil Gosrsuch, il giudice nominato da Donald Trump, ha votato contro.

SDA-ATS