Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scontri e cariche delle forze dell'ordine oggi pomeriggio a Roma, nei pressi del ministero del Welfare, durante una manifestazione contro il governo e il suo piano sul lavoro. Dopo un lancio di oggetti, bottiglie e petardi contro i blindati sono iniziati gli scontri e poi si sono avute due cariche di alleggerimento da parte degli agenti.

Da parte della testa del corteo c'è stato un lancio di bombe carta e bottiglie contro le forze dell'ordine che hanno risposto con un lancio di lacrimogeni e caricando i manifestanti. Gli scontri continuano mentre parte del corteo è retrocesso verso piazza Barberini. Alla manifestazione sono presenti movimenti antagonisti contro il governo e il decreto casa, compresi militanti di No-tav.

Per gli scontri sono state fermate sei persone ed adesso il corteo si svolge regolarmente secondo il piano stabilito, fa sapere il Viminale aggiungendo che la situazione continua ad essere seguita con la massima attenzione.

Intanto si è appreso che un manifestante, rimasto ferito in seguito all'esplosione di un petardo che teneva in mano, ha subito un'amputazione.

Sono 12, tra manifestanti e forze dell'ordine, i feriti trasportati dai servizi di soccorso in diversi ospedali dopo gli scontri. Tra i sei agenti ricoverati il più grave ha un'ustione ad una gamba provocata probabilmente dall'esplosione di una bomba carta.

SDA-ATS