Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Corvatsch: 2015/2016 da dimenticare, ma questo inverno buono

La regione di Silvaplana (foto d'archivio).

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

L'esercizio 2015/2016 è da dimenticare per la Corvatsch AG: la società anonima con sede a Silvaplana che gestisce 14 impianti di risalita e 23 piste sull'omonima montagna dell'Alta Engadina ha subito una perdita di 2,8 milioni di franchi.

Sui conti ha pesato il netto calo dei ricavi, passati da 17,9 a 14,2 milioni, si legge nel rapporto d'esercizio pubblicato oggi in vista dell'assemblea generale del 21 aprile.

La minore affluenza di ospiti è stata causata dall'inverno estremamente carente di neve, in particolare nelle festività di fine anno. Il forte l'aumento dei proventi dei trasporti in estate (+32%) non è riuscito a compensare i deboli mesi precedenti: l'esercizio complessivo - periodo novembre 2015-ottobre 2016 - ha visto un calo del 25% dei ricavi generati dagli impianti.

La società ha quindi investito massicciamente nell'innevamento artificiale: sono stati installati 44 impianti supplementari. Secondo l'azienda ne è valsa la pena: nell'inverno appena trascorso, che è stato ancora più povero di neve del precedente, i numeri delle frequenze sono positivi e in linea con la media pluriennale.

L'impresa vuole investire ulteriormente nella stessa direzione. A questo propositivo si stanno cercando soluzioni per ottimizzare l'afflusso di acqua, fondamentale per gli impianti. In primo piano vi è un progetto che punta a utilizzare il lago di Silvaplana.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.