Navigation

Costa d'Avorio: 150'000 persone in fuga nei paesi vicini

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 aprile 2011 - 17:46
(Keystone-ATS)

Sono quasi 150'000 le persone fuggite dalla guerra civile in Costa d'Avorio e giunti nei Paesi della regione, ha affermato oggi a Ginevra l'Alto commissariato dell'Onu per i rifugiati (Unhcr). Migliaia di persone continuano a fuggire.

La maggior parte dei rifugiati, 135'000, sono fuggiti all'ovest, in Liberia. Nella sola giornata di mercoledì oltre 4500 ivoriani sono entrati nella contea di Maryland, nel sud-est del Paese, precisa una nota dell'Unhcr.

Alcuni hanno raccontato di essere fuggiti a causa degli scontri esplosi nella città costiera di Tabou, oltre il fiume Cavally. Altri invece hanno deciso di fuggire dopo aver sentito parlare del massacro di oltre 800 persone a Duekoué. Alcuni raccontano di aver visto cadaveri durante il loro tragitto.

La gente fugge anche dai combattimenti ad Abidjan, capitale commerciale della Costa d'Avorio, e cerca rifugio in Ghana, dove con i circa 2000 della scorsa settimana, il totale dei rifugiati è salito a 7200. Ancora più a est, un totale di 2300 ivoriani è segnalato il Togo.

In tutto - afferma l'Unhcr - dodici Paesi della regione hanno ricevuto rifugiati ivoriani dallo scoppio della crisi-post elettorale in Costa d'Avorio a fine novembre.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?