Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Il costo delle ipoteche è rimasto a bassi livelli anche nell'ultimo trimestre 2010. Verso la fine dell'anno, tuttavia, si è registrato un aumento, soprattutto nell'ambito dei contratti a tasso fisso di lunga durata. È quanto emerge dal barometro del servizio di confronto internet comparis.ch.
Ad esempio, per le ipoteche a tasso fisso di 10 anni - il contratto tuttora prediletto dai proprietari di immobili - il saggio medio indicativo è salito dal 2,7 per cento dell'inizio settembre al 3,1 per cento di fine dicembre 2010.
Se si prende in considerazione l'intero quarto trimestre in confronto a quello precedente, per le ipoteche a tasso fisso di 10 anni si nota che i tassi d'interesse sono aumentati dal 2,8 al 2,9 per cento.
Le ipoteche a tasso fisso di 5 anni sono costate in media il 2,2 per cento (+0,1 punti), quelle di un anno 1,5 per cento (-0,1). Le ipoteche a tasso variabile sono state concesse in media con tassi immutati del 2,7 per cento.
L'andamento di fine anno rispecchia l'attesa di un generale aumento del livello dei tassi, commenta Martin Scherrer, esperto di banche presso comparis.ch.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS