Durante i primi nove mesi del 2018, il settore principale della costruzione ha registrato un fatturato in diminuzione del 2,7% su base annua, a 14,9 miliardi di franchi.

"Le ordinazioni hanno persino subito un calo del 4%", indica oggi la Società svizzera degli impresari-costruttori (SSIC) in un comunicato, precisando che, a breve termine, non c'è però da aspettarsi alcuna forte diminuzione dell'attività, se non localmente.

Nel terzo trimestre l'attività è risultata più debole di quella rilevata nel primo semestre. Nel 2018, le cifre d'affari dell'edilizia principale non raggiungeranno i livelli del 2017 e continueranno a diminuire nel 2019, prevede la SSIC.

Si moltiplicano i segni che rivelano come, nell'edilizia abitativa, sia stato superato l'apice: infatti, il volume degli affari è in calo, scrive la SSIC. Negli ultimi anni i deboli rendimenti sui mercati finanziari avevano stimolato la costruzione di alloggi in affitto: gli immobili rappresentavano per gli investitori un'attraente alternativa a prestiti o azioni, e tutto ciò nonostante la discesa della domanda nell'edilizia abitativa.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.