Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Autunno caldo in vista per l'edilizia elvetica: se la Società svizzera impresari costruttori (SSIC) e i sindacati non dovessero trovare un accordo sul nuovo contratto nazionale mantello (CNM), le organizzazioni dei lavoratori intendono ricorrere a misure di lotta.

"La posta in gioco è alta", ha detto Nico Lutz, membro della direzione dell'Unia in una conferenza stampa oggi a Zurigo. Nell'edilizia si rischia una situazione di vuoto contrattuale alla fine dell'anno, quando scade il CNM che regola le condizioni di lavoro di circa 80'000 lavoratori.

Finora i partner sociali non sono d'accordo su come andare avanti in futuro. I sindacati Unia e Syna vogliono ora dare i primi segnali con una manifestazione che avrà luogo sabato a Zurigo.

Per i sindacati un prolungamento dell'attuale contratto come proposto oggi dalla SSIC è inammissibile. Vogliono un nuovo CNM che contenga "migliori condizioni".

Nel giustificare la sua posizione l'associazione padronale in un comunicato rileva che "le prospettive congiunturali si offuscano e alcune imprese hanno persino introdotto il lavoro ridotto e diminuito i salari". I sindacati - afferma - con il loro "giochi di potere ideologici" rischiano una situazione di vuoto contrattuale.

Unia e Syna restano per il momento sulle loro posizioni. "Invitiamo i datori di lavoro a cercare con noi una soluzione - anche nel loro interesse", ha ribattuto Lutz. Finora - ha aggiunto - la SSIC si è rifiutata di partecipare alle trattative. In tal modo si rischia un "duro conflitto".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS