Navigation

Covid: Germania, pioggia di ricorsi contro il lockdown light

La cancelliera tedesca Angela Merkel KEYSTONE/dpa-Pool/Kay Nietfeld sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2020 - 19:46
(Keystone-ATS)

Il primo giorno di lockdown light in Germania si apre con una pioggia di ricorsi da parte dei titolari delle attività più colpite dalle misure di contenimento contro il coronavirus.

Queste ultime prevedono 4 settimane di chiusura per ristoranti, bar, palestre, piscine, saloni di bellezza, eventi, mostre, concerti, parchi di divertimento.

A Berlino sono già arrivate 39 richieste di ricorso amministrativo d'urgenza soprattutto da parte di ristoratori e titolari di palestre, mentre a Monaco 15, anche da parte di albergatori.

Nelle settimane scorse un'ondata di decisioni dei tribunali amministrativi dei diversi Land avevano di fatto sospeso l'applicazione delle decisioni politiche (soprattutto nel caso del divieto di pernottamento negli alberghi).

Oggi, nel rispondere ad una domanda su questo tema in conferenza stampa, la cancelliera Angela Merkel ha sostenuto che stavolta le condizioni sono cambiate: le misure sono valide per tutto il territorio tedesco, l'incidenza del virus è più diffusa che in passato ed è diffusa in modo tale da non giustificare decisioni ad hoc e la maggiore incidenza rispetto al passato rende necessarie misure che favoriscano la riduzione dei contatti.

Dunque in sintesi Merkel ritiene che stavolta il lockdown sia più giustificato rispetto al passato e questo potrebbe influenzare le decisioni dei tribunali.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.