Navigation

Covid-12: Fischer e Gabriel, Europa rischia fallire

L'ex ministro degli esteri della Germania, Joschka Fischer (Verdi). KEYSTONE/AP dapd/THOMAS LOHNES sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2020 - 11:38
(Keystone-ATS)

"L'Europa rischia di fallire di fronte alla prova più grande che abbia mai affrontato da quando è nata".

Lo scrivono gli ex ministri degli esteri tedeschi Sigmar Gabriel (SPD) e Joschka Fischer (Verdi), in un appello pubblicato oggi sull'Handelsblatt e sul Tagesspiegel.

"Paesi come l'Italia e la Spagna non se lo scorderanno per i prossimi cento anni, se l'Europa e in particolare la Germania", nella lotta al coronavirus e ai suoi effetti, "li pianteranno in asso. Ed è quello che stiamo facendo", scrivono.

"I paesi più colpiti dal coronavirus hanno bisogno di un piano in tre punti: aiuti immediati sul piano medico umanitario. Nel medio periodo aiuti in crediti europei di lunga scadenza che non vengano calcolati coi criteri di Maastrcht e, nel lungo periodo un programma di incentivi all'innovazione per la assicurazione del futuro economico e sociale".

"La Germania - secondo Gabriel e Fischer - farebbe bene a partecipare subito a un piano di aiuti di questo tipo a livello europeo, invece di portare avanti la lite fra nord e sudeuropa sugli eurobond e i coronabond. Perché è chiaro: Italia e Spagna non saranno nelle condizioni di assumere i mezzi finanziari necessari per la ricostruzione dei loro paesi come nuovi debiti di Stato".

"L'Europa deve ridurre loro il carico dei tassi e probabilmente anche l'ammortamento", scrivono i due ex ministri. "La verità - si legge infine - è che la Germania è lo stato che guadagna di più dall'Europa".

In un appello pubblicato la settimana scorsa dalle pagine di die Zeit, insieme ad intellettuali ed economisti tedeschi, Fischer si era schierato esplicitamente a favore dei coronabond.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.