Navigation

Covid-19: ci vuole base legale per tracciamento contagiati

App per il tracciamento dei contagiati in uso in Germania su base volontaria. KEYSTONE/EPA/SASCHA STEINBACH sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2020 - 14:07
(Keystone-ATS)

Ci vuole una base legale per le app di tracciamento dei contatti delle persone colpite dal coronavirus. Lo chiede la Commissione delle istituzioni politiche del Consiglio nazionale (CIP-N), secondo cui l'adesione a tale sistema deve avvenire su base volontaria.

Il Consiglio federale sta valutando un'eventuale introduzione, entro l’11 maggio, di un'applicazione per il tracciamento del COVID-19, basata sul modello "DP-3T" sviluppato dal Politecnico federale di Losanna, sottolinea una nota odierna dei servizi parlamentari.

Visti gli interrogativi che ciò suscita a livello di protezione dei dati, la CIP-N non è di per sé contraria a una simile soluzione, ma "ciò può avvenire solo nel quadro di un processo politico trasparente". Per 22 voti a 2 e 1 astensione, la CIP-N ha quindi accolto una mozione in tal senso la quale precisa che l'impiego di questa app deve avvenire su base volontaria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.