Navigation

Crai non vende più mascherine, prezzo 50 cent troppo basso

Il prezzo è troppo basso, dice Crai. KEYSTONE/EPA/MATTEO BAZZI sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 29 aprile 2020 - 09:50
(Keystone-ATS)

In Italia il colosso dei supermercati Crai ha annunciato che "si vede costretto a ritirare dalla vendita, dai negozi del gruppo, le mascherine chirurgiche" a causa del prezzo imposto massimo di 50 centesimi.

"Siamo nell'impossibilità di vendere le mascherine ad un prezzo inferiore al loro costo di acquisto", si legge in una comunicato del conglomerato, che controlla marchi quali Crai, Pellicano, Caddy's, IperSoap, Pilato, Proshop, Risparmio Casa, Saponi e Profumi, Shuki e Smoll.

"Confidiamo che il governo voglia risolvere al più presto tale situazione in modo da consentirci di riprendere la vendita delle mascherine in questione".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.