Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il piano di risparmi da 3,5 miliardi di franchi annunciato stamane da Credit Suisse potrebbe comportare la cancellazione di 1600 posti di lavoro in Svizzera e di 5000 nel mondo.

L'istituto intende trasferire impieghi da Londra verso siti economicamente più vantaggiosi e in Svizzera il taglio occupazionale dovrebbe estendersi sull'arco di tre anni.

Non sono comunque previsti licenziamenti. L'obiettivo è di riuscire a comprimere l'organico attraverso la normale fluttuazione del personale, ha detto stamane il CEO Tidjane Thiam nel corso di una conferenza stampa a Zurigo.

Thiam non ha specificato quali settori saranno colpiti, spiegando che all'interno della banca non sono ancora state fornite informazioni esaustive sulla manovra.

Anche a Londra Credit Suisse non sta pianificando licenziamenti, bensì trasferimenti. Nella capitale britannica Credit Suisse dà lavoro a 2400 persone, ma 1800 potrebbero anche lavorare altrove. Credit Suisse è intenzionata a spostare questi posti di lavoro in altri luoghi meno costosi, ha detto Thiam, che ha citato in particolare l'India.

Complessivamente l'istituto vuole comprimere entro il 2018 i costi di 3,5 miliardi di franchi all'anno: 0,8 miliardi con il programma di risparmi già in corso e 2,7 miliardi attraverso altre misure.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS