Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Credit Suisse ha registrato un utile netto di 454 milioni di franchi nel terzo trimestre di quest'anno, contro 254 nello stesso periodo del 2012. Il risultato è inferiore alle attese degli analisti. Gli esperti interrogati dalla Reuters avevano pronosticato un utile netto di 700 milioni.

Senza tenere conto delle imposte il risultato ammonta a 685 milioni, contro 384 nel terzo trimestre 2012, ha indicato oggi il numero due bancario elvetico in un comunicato.

Il settore della gestione patrimoniale (Private Banking & Wealth Management), senza tenere conto delle imposte, tra luglio e settembre ha realizzato un utile di 1,01 miliardi di franchi, contro 936 milioni un anno prima. La raccolta netta di fondi si è attestata a 8,1 miliardi di franchi.

La divisione Investment Banking dal canto suo presenta un risultato in calo. Sempre senza tenere conto delle imposte, si è passati dai 483 milioni del terzo trimestre 2012 a 229 milioni. Il deludente risultato deriva da redditi in discesa negli affari con obbligazioni e altri titoli a reddito fisso. I proventi del comparto sono diminuiti del 42% a 833 milioni di franchi.

Visto l'andamento dei risultati, i vertici hanno deciso di rendere più incisivo il programma di risparmi. Entro il 2015 i costi dovranno scendere di 4,5 miliardi e non di 4,4 miliardi come indicato in precedenza, ha affermato oggi il Ceo Brady Dougan. D'altro canto la banca intende ridurre l'importanza degli affari nel settore dei titoli a reddito fisso e puntare maggiormente sulla gestione patrimoniale per la clientela facoltosa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS