Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel secondo trimestre Credit Suisse ha registrato risultati in forte crescita: il numero due bancario elvetico ha segnato un utile netto di 1,045 miliardi di franchi, contro i 788 milioni dello stesso periodo 2012. L'utile ante imposte è stato di 1,534 miliardi, in aumento del 38%, fa sapere in un comunicato la banca.

Il risultato netto supera le previsioni degli analisti interrogati dalla Reuters che avevano messo in conto 1,02 miliardi. Tra aprile e giugno la divisione Investment Banking ha generato un utile ante imposte di 754 milioni i franchi, oltre il doppio del secondo trimestre dell'anno passato. Sono evolute favorevolmente soprattutto la negoziazione di azioni (+24%), le emissioni di capitali e la consulenza (+45%). L'Investment Banking ha messo a segno un forte rendimento, osserva il Ceo Brady Dougan, citato nel comunicato. La divisione ha accresciuto i ricavi netti del 24%, portandoli a 3,4 miliardi di franchi.

Nella divisione Private Banking & Wealth Managment è stato rilavato un utile pre tasse di 917 milioni di franchi, ciò dedotto un accantonamento di 100 milioni di franchi per onere legati all'accordo fiscale con la Gran Bretagna. I ricavi netti sono rimasti sui livelli del secondo trimestre 2012, ossia 3,42 miliardi di franchi. La divisione ha visto affluire nuovi fondi netti pari a 7,6 miliardi di franchi, con forti afflussi dai mercati emergenti, in parte compensati dal deflusso in Europa occidentale. I patrimoni in gestione a fine giugno ero pari a 1297 miliardi di franchi, in aumento del 7% su base annua.

"Abbiamo compiuto progressi sostanziali nella trasformazione del nostro modello di business in linea con la regolamentazione svizzera", commenta il presidente della direzione circa l'andamento generale.

Quanto all'evoluzione del mercato, Dougan si è mostrato prudentemente ottimista. Verso la fine del secondo trimestre l'aumento dei tassi di interesse si è tradotto un una maggiore volatilità del mercato e in minori attività della clientela. "Tale volatilità del mercato è proseguita fino in luglio, ma negli ultimi tempi ci sono stati segnali di stabilizzazione sui nostri mercati più importanti", ha affermato il Ceo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS