Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Credit Suisse ha registrato nel terzo trimestre un calo dei ricavi operativi dell'8%, a 5,98 miliardi di franchi. L'utile netto attribuibile agli azionisti è sceso da un anno all'altro del 24% a 779 milioni di franchi.

L'unità di amministrazione patrimoniale ha registrato un afflusso di nuovi capitali di 16,4 miliardi, secondo il rapporto intermedio presentato oggi.

Nel terzo trimestre le difficili condizioni di mercato hanno condotto a un indebolimento delle attività delle due divisioni Private Banking & Wealth Management e Investment Banking, ha fatto sapere il CEO Tidjane Thiam, citato in un comunicato.

L'utile ante imposte del gruppo si è attestato nel periodo in rassegna a 861 milioni di franchi, in flessione del 34%. Le attività di banca privata e gestione patrimoniale accusano un calo del 31% a 647 milioni, mentre la banca di investimento presenta un rosso di 125 milioni, a fronte dell'utile di 516 milioni dello scorso anno.

Credit Suisse ha annunciato che procederà a un aumento di capitale pari a 6,05 miliardi di franchi. Avvierà anche una ristrutturazione volta a generare risparmi per 3,5 miliardi entro il 2018.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS