Navigation

Credit Suisse cancella altri 1500 posti circa

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2011 - 10:23
(Keystone-ATS)

Ulteriori cancellazioni di posti in vista per Credit Suisse: dopo l'annuncio in luglio della soppressione di 2000 impieghi, di cui 500 in Svizzera, il numero due bancario elvetico ha comunicato oggi che vuole ridurre gli effettivi del 3% a livello mondiale, pari a 1500 posti. L'istituto, che ha realizzato un utile netto di 683 milioni di franchi nel terzo trimestre, intende così risparmiare altri 800 milioni di franchi, portando il totale di compressione dei costi a 2 miliardi di franchi.

Queste economie saranno realizzate entro la fine del 2013, ha comunicato la stessa banca. Il taglio occupazionale riguarda l'investment banking, soprattutto all'estero, e le attività retail, essenzialmente presenti in Svizzera, ha detto all'ats un portavoce del Credit Suisse senza fornire dettagli.

"Il terzo trimestre è stato caratterizzato da un contesto impegnativo con un alto grado di incertezza, un basso livello di attività della clientela in tutti i settori e un'estrema volatilità di mercato", rileva il Ceo Brady Dougan, citato in una nota.

L'utile netto del gruppo ha registrato una crescita del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, ma è in discesa dell'11% sul secondo trimestre di quest'anno. Esso è inferiore alle attese degli analisti. Quelli interrogati dall'agenzia Reuters avevano pronosticato in media 1,1 miliardi di franchi. Il titolo in borsa ha reagito con un pesante ribasso: a mezz'ora dall'inizio delle contrattazioni era in discesa del 9,4%.

Su nove mesi l'utile netto si attesta a 2,59 miliardi di franchi, in calo del 39%. Come per altre banche, il risultato del terzo trimestre è dovuto in gran parte a fattori straordinari, ad esempio a una plusvalenza contabile su debiti propri. Ma su di esso gravano anche accantonamenti per quasi mezzo miliardo in relazione a contenziosi fiscali.

La divisione di Investment Banking tra luglio e settembre ha terminato con una perdita di 190 milioni di franchi, contro un risultato positivo di 395 milioni nel periodo corrispondente del 2010 e di 231 milioni nel secondo trimestre di quest'anno. Su nove mesi l'utile ante imposte della divisione si è fissato a 1,38 miliardi di franchi, in flessione del 53%.

Forte contrazione per il risultato della divisione Private Banking nel terzo trimestre, che ha registrato un utile pretasse di 183 milioni, contro 836 milioni nel terzo trimestre dell'anno passato e di 843 milioni tra aprile e giugno di quest'anno. Il dato del terzo trimestre comprende tuttavia accantonamenti per un contenzioso di 295 milioni di franchi in relazione ai problemi con il fisco americano e di 183 milioni per la vicenda fiscale in Germania. Su nove mesi il risultato ha segnato una diminuzione del 28% a 1,88 miliardi di franchi.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?