Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Credit Suisse chiama alla cassa i grandi clienti commerciali e istituzionali: a causa dell'introduzione di interessi negativi dello 0,75% a partire dal 22 gennaio sui conti giro degli istituti finanziari presso la Banca nazionale svizzera, le aziende o casse pensione dovranno presto pagare per affidare alla seconda banca elvetica grosse somme di denaro.

"A causa delle evoluzioni attuali introduciamo una commissione sugli averi dei clienti istituzionali e delle grandi aziende", ha dichiarato all'ats la portavoce Daniela Häsler confermando una notizia della "SonntagsZeitung". Non ha però rivelato a partire da quando né a quanto ammonta la commissione.

Il nuovo regolamento non si applica alle piccole e medie imprese. Il Credit Suisse non prevede nemmeno tassi negativi, rispettivamente commissioni sugli averi, sui conti risparmio dei clienti individuali. Per i fondi di istituti finanziari invece misure in questo senso sono già in vigore da diverso tempo, ha spiegato la Häsler.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS