Navigation

Credit Suisse risolve controversia con azionisti USA

Il Credit Suisse (CS) ha concordato un pagamento di 15,5 milioni di dollari in una controversia legale con gli azionisti negli USA. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 11 luglio 2020 - 09:55
(Keystone-ATS)

Il Credit Suisse (CS) ha concordato un pagamento di 15,5 milioni di dollari in una controversia legale con gli azionisti negli USA. Lo si apprende dagli atti pubblicati ieri da un tribunale di New York.

La questione riguardava il deprezzamento da un miliardo di dollari che la grande banca elvetica aveva effettuato su prestiti a rischio all'inizio del 2016.

I ricorrenti, guidati da quattro fondi pensione, si ritenevano ingannati dal management del CS dell'epoca, in quanto, prima del deprezzamento, avevano ancora parlato di "estesi" controlli dei rischi sui crediti in sofferenza.

Il CS ha sempre respinto le accuse di inganno. La risoluzione della controversia con un pagamento di 15,5 milioni di dollari non è un'ammissione di colpa, sottolinea la banca. La risoluzione deve ancora essere avallata da un tribunale federale a Manhattan.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.