Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

13 Tiger F-5E monoposto dell'esercito svizzero devono rimanere a terra per essere sottoposti ad un controllo. Una crepa nella struttura portante dietro al cockpit è stata riscontrata su due aviogetti monoposto di questo tipo, si legge in una nota del Dipartimento federale della difesa (DDPS). Altri 15 sono già stati controllati e sono di nuovo in servizio. La limitazione concerne anche la Patrouille-Suisse che non potrà partecipare con gli aerei previsti all'esibizione sul Lauberhorn (BE) in programma questo fine settimana.

La pattuglia si esibirà invece con quattro aviogetti rossi con raffigurata la croce svizzera e due "normali" Tiger grigi, ha indicato all'ats ieri in serata il portavoce delle Forze aeree Jürg Nussbaum.

La temporanea limitazione della flotta non compromette i compiti delle Forze aeree, ha precisato Nussbaum. La maggior parte degli incarichi viene infatti svolta dagli F/A 18. Anche i servizi di protezione nel quadro del Forum economico mondiale (WEF) di Davos sono garantiti.

Una crepa riscontrata, durante un controllo, nella struttura portante dietro al cockpit di un Tiger F-5E monoposto ha condotto allo svolgimento di una verifica di tutti i 30 gli aviogetti della stessa tipologia. Giovedì scorso è stata rilevata una crepa di dimensioni maggiori in altro jet. Ruag, gruppo specializzato negli armamenti e nell'aerospazio controllato dalla Confederazione, e armasuisse, impresa di armamento della Svizzera, ritengono che la crepa sia grave e hanno ordinato misure preventive.

Entrambi gli aviogetti danneggiati sono stati sospesi dal servizio di volo sino alla riparazione. Il controllo di tutti i Tiger monoposto sarà portato a termine entro il secondo trimestre dell'anno in corso. Gli F-5F biposto non sono interessati dalle misure.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS