Navigation

Crescita Hong Kong a rischio nel 2019 per proteste

Quest'anno il PIL di Hong Kong potrebbe contrarsi a causa delle proteste. KEYSTONE/EPA/JEROME FAVRE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 ottobre 2019 - 19:06
(Keystone-ATS)

Quest'anno il PIL di Hong Kong potrebbe contrarsi a causa delle proteste che da oltre quattro mesi scuotono l'economia della Regione amministrativa speciale cinese.

A denunciarlo è Paul Chan, segretario finanziario del governo di Hong Kong, con un articolo pubblicato oggi sul suo blog.

Secondo il responsabile di tutte le questioni economiche e finanziarie della Regione cinese, mentre molte industrie sono state "gravate da un carico estremamente pesante" a causa dei continui disordini sociali, è "impossibile escludere la possibilità" che quest'anno l'economia di Hong Kong si contragga.

"Sembra sia estremamente difficile ottenere una previsione di crescita compresa tra lo 0 e l'1% annuo", ha scritto Chan.

Secondo il segretario finanziario del governo di Hong Kong, il 31 ottobre l'amministrazione regionale annuncerà le prime stime sulla crescita economica nel terzo trimestre. A questo proposito, Chan ha aggiunto che l'economia della regione ha continuato a contrarsi tra luglio e settembre, ampliando significativamente il proprio calo ed entrando in "recessione tecnica".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.