Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Due cittadini kosovari ricercati in Serbia perché sospettati di crimini durante la Guerra del Kosovo (1998-99) sono stati arrestati la scorsa settimana in Svizzera. Entrambi si oppongono all'estradizione.

Il primo fermo è avvenuto martedì a Zurigo su mandato dell'Ufficio federale di giustizia (UFG), mentre il secondo nella giornata di giovedì durante un controllo a Ginevra, informa oggi l'UFG che sta esaminando i casi. Le autorità serbe hanno chiesto l'estradizione di entrambi.

Uno dei due uomini è sospettato di aver svolto - come membro dell'Esercito di liberazione del Kosovo (UCK o ELK) - degli attacchi armati su civili serbi in due località oggi kosovare. Egli è accusato di diversi crimini di guerra. Il secondo uomo era invece ricercato per l'uccisione di civili, anche in questo caso in qualità di membro dell'UCK.

A complicare la situazione vi sono le autorità kosovare che considerano i sospetti crimini di guerra effettuati da kosovari responsabilità della loro giustizia e non di quella serba. A questo proposito - secondo i media di Pristina - il ministro di giustizia Hajredin Kuçi si è rivolto alla consigliera federale Simonetta Sommaruga.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS