Navigation

Crisi: bancarotta pilotata MGM, ok a riorganizzazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 ottobre 2010 - 09:34
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Via libera alla ristrutturazione di Metro-Goldwyn Mayer: gli studios titolari di James Bond faranno ricorso alla bancarotta pilotata per ridurre il proprio debito. I creditori del 'Leone Ruggente' hanno approvato il piano di riorganizzazione che, oltre al ricorso al Chapter 11, prevede che i fondatori di Spyglass Entertainment, Gary Barber e Roger Birnbaum, siano i co-amministratori delegati della società.
Il piano è stato approvato "a maggioranza schiacciante" precisa Mgm in una nota, impegnandosi ad attuare il progetto di riorganizzazione rapidamente, senza comunque fornire indicazioni temporali dettagliate. Secondo indiscrezioni Mgm potrebbe fare ricorso al Chapter 11 già entro domenica ma non è escluso - riporta il Wall Street Journal - uno slittamento. I maggiori creditori di Mgm, guidati da JPMorgan Chase e dagli hedge fund Anchorage Advisors e Highland Capital Management, hanno respinto il tentativo dell'investitore miliardario Carl Icahn di far naufragare il piano di riorganizzazione che prevede il coinvolgimento di Spyglass.
Icahn premeva infatti per un matrimonio fra Mgm e Lions Gate, di cui è il maggiore azionista: un progetto che perseguiva offrendosi di acquistare il debito detenuto dagli altri creditori.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.