Navigation

Crisi: Germania, intesa maggioranza-opposizione su Tobin-tax

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 giugno 2012 - 13:49
(Keystone-ATS)

Il governo della cancelliera Angela Merkel, in Germania, ha raggiunto un'intesa di massima con l'opposizione sul piano che prevede l'introduzione di una tassa sulle transazioni finanziarie. Lo ha reso noto stamani all'agenzia Dpa Norbert Barthle, portavoce per le politiche di bilancio dell'Unione di CDU e CSU, partiti che sostengono Merkel.

L'accordo rende molto più probabile l'approvazione del fiscal compact e del meccanismo di stabilità ESM prima della pausa estiva del parlamento federale. Per la ratifica è infatti necessaria l'approvazione di due terzi del Bundestag, il parlamento federale, e del Bundesrat, la camera dei Laender, dove l'opposizione controlla la maggioranza dei seggi.

La Germania sembra dunque intenzionata a spingere per l'introduzione di una forma di Tobin-tax, ancora non nota nei particolari, che prescinda dal "sì" dell'intera UE, e probabilmente anche dell'intera eurozona.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.