Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BRUXELLES - Si avvicina la possibilità di trovare un accordo di compromesso tra i Paesi dell'Eurogruppo per offrire sostegno alla Grecia. Questa l'indicazione che giunge da fonti di Bruxelles dopo l'apertura di Berlino all'ipotesi di una soluzione 'mista' che vedrebbe in campo sia il Fondo monetario internazionale (Fmi) e sia i Paesi di Eurolandia.
L'intesa potrebbe essere formalizzata nel corso di una riunione straordinaria dei capi di Stato e di governo dell'Eurogruppo, da tenere giovedì prima del vertice Ue, così come chiesto oggi dal presidente francese, Nicolas Sarkozy, e il premier spagnolo, José Luis Zapatero, (presidente di turno dell'Ue), in occasone del loro incontro a Parigi.
In queste ultime ore la cancelliera tedesca Angela Merkel è stata oggetto di un pressing sempre più forte esercitato soprattutto da Parigi e Bruxelles affinché dal summit Ue, in programma il 25 e 26 marzo, possa uscire un chiaro segnale sul piano di aiuti alla Grecia che ponga fine al clima di incertezza di cui l'euro subisce gli effetti.
La convocazione di una riunione straordinaria dei leader dell'Eurogruppo ha un solo precedente: il summit straordinario convocato a Parigi da Sarkozy nell'autunno del 2008 per dire al mondo che i governi europei non avrebbero lasciato fallire le banche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS