Navigation

Crisi: Grecia, Papademos in tv, ok a manovra o disastro

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 febbraio 2012 - 21:34
(Keystone-ATS)

È un weekend decisivo e ad altissima tensione per la Grecia, con tutti gli occhi puntati non solo sulle piazze, sempre più roventi, ma anche sul Parlamento. Domenica sera è atteso il cruciale voto che deve approvare o bocciare l'intesa con la troika Ue-Bce-Fmi su un nuovo pacchetto di tagli durissimi in cambio dello sblocco di una tranche vitale da 130 miliardi di euro. Un'iniezione per salvare Atene dal fallimento.

Per questo il premier Loukas Papademos ha rivolto un messaggio a tratti drammatico alla nazione, in tv. "Sappiamo che le nuove misure colpiranno i greci nel breve termine. Lo sappiamo. Ma i costi sociali non si possono paragonare con il disastro" che genererebbe una loro bocciatura. "Siamo giunti al Punto Zero (espressione greca che sta per 'punto di non ritorno'). Queste misure ci evitano il fallimento incontrollato, che porterebbe il paese alla catastrofe, al caos economico, all'esplosione sociale". Le misure previste nell'accordo con la troika, ha affermato il premier, "garantiscono il futuro del nostro Paese nell'euro. Fino al 2009 in Grecia c'era un modello economico sbagliato. Si tratta di cose che dovevano essere fatte diverso tempo fa".

Papademos ha illustrato nel dettaglio cosa vorrebbe dire la catastrofe, in mancanza del varo delle nuove misure: "Non potremmo più importare generi di prima necessità, o pagare per il funzionamento di ospedali e scuole, pensioni e medicine".

Chiedendo il voto dei parlamentari dei due maggiori partiti, Nuova Democrazia e Pasok, il primo ministro ha esortato i greci a reagire: "Il patriottismo non è abbandonare la battaglia, ma difendere la nostra posizione in Europa e nell'euro, prendendo tutti insieme decisioni importanti". Domani pomeriggio, poche ore prima del cruciale voto, migliaia di manifestanti di tutte le sigle sindacali marceranno sul Parlamento, per una protesta-assedio che si annuncia imponente, e si temono scontri, anche pesanti.

Sul nuovo pacchetto-austerità il governo di Loukas Papademos dovrebbe avere domani i voti necessari. I dettagli non sono stati ancora ufficialmente pubblicati, ma si prevedono tagli del 22% al salario minimo, fuoriuscita di 15.000 addetti del pubblico impiego, liberalizzazioni e tagli ad alcuni tipi di pensione, negoziato per la riduzione del debito con i creditori privati. Questo nonostante l'uscita dalla maggioranza del partito di estrema destra Laos e il possibile voto contrario di alcuni 'ribelli' del Pasok.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?