Navigation

Crisi: Irlanda; UE, via libera a piano aiuti

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 novembre 2010 - 18:54
(Keystone-ATS)

BRUXELLES - I ministri finanziari della zona euro hanno dato il via libera al piano di aiuti per sostenere l'Irlanda. È quanto si apprende da fonti comunitarie. Ora è in corso una riunione dell'Ecofin per l'OK definitivo.
L'OK dell'Eurogruppo è arrivato al termine di una riunione alla quale hanno partecipato anche i ministri delle finanze dei tre Paesi non euro che parteciperanno al piano per aiutare Dublino: quelli di Regno Unito, Svezia e Danimarca. Nel corso dell'incontro si è quindi svolta anche una teleconferenza con i vertici dell'FMI.
Secondo quanto si apprende, dunque, il piano ammonta a 85 miliardi di euro in tre anni, di cui 35 per salvare le banche irlandesi e 50 per risanare le casse dello Stato. La ripartizione degli aiuti prevede una quota uguale a carico del Fondo salva-Stati della zona euro (Efsf), del bilancio UE (Efsm) e dell'FMI. A ciò si dovrebbe aggiungere una quota di prestiti bilaterali concessi da Regno Unito, Svezia e Danimarca.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo